Afonso Guilherme: Urban Fitness è “l’assist” perfetto

Afonso Guilherme Urban Fitness

“Molti calciatori professionisti di altissimo livello usano questo metodo di allenamento, ma secondo me può essere ideale anche per coloro che praticano il calcio a livello amatoriale.” A parlare è Afonso Guilherme che di esperienza, in ambito calcistico, ne ha da vendere.
Infatti, dopo aver militato nella nazionale Svizzera per le categorie Under 19, Under 20 e Under 21, ha deciso di proseguire la carriera di calciatore professionista nella nazionale del proprio Paese di origine: l’Angola.

Afonso Guilherme Urban Fitness

Abbiamo incontrato Afonso nel Centro Urban Fitness di Varese in via Carrobbio, dove si è allenato, e ci ha descritto così la sua esperienza con la tecnologia EMS:
“In passato, durante la mia carriera calcistica, avevo già utilizzato l’elettrostimolazione, ma non mi aspettavo che il metodo Urban Fitness fosse così rivoluzionario! Innanzitutto perché per la prima volta ho sperimentato l’abbinamento dell’elettrostimolazione con gli esercizi isometrici, peraltro svolti con un personal trainer molto professionale, e questo rende l’allenamento molto più efficace oltre che molto più piacevole. Poi è straordinaria la possibilità di lavorare su tutta la muscolatura in sedute di soli 20 minuti: l’allenamento tradizionale solitamente è molto più selettivo. Per i 2-3 giorni successivi alla seduta ne ho sentito gli effetti, questo significa che viene svolto un lavoro davvero profondo”.

Afonso Guilherme Urban Fitness

E sul fatto di consigliare Urban Fitness a coloro che giocano a calcio, anche a livello amatoriale, Afonso non ha dubbi: “Se questo metodo risulta così efficace per coloro che praticano lo sport a livello professionale, credo che, a maggior ragione, sia ideale per coloro che lo praticano a livello amatoriale e che magari non hanno il tempo di allenarsi 3-4 volte alla settimana. In pochi minuti permette infatti di svolgere un esercizio che consente di arrivare in campo con una miglior preparazione muscolare… e quindi di realizzare performance migliori!”